Le tue domande

Fai una domanda
 
Data: 15/06/2015
Nome: triss
 
Domanda
Salve Dott.
Sono giovane, ho 23 anni e dal 2011 soffro di ansia. Più precisamente, all'epoca, fino al 2012 ho sofferto più con attacchi di panico veri e propri a vari disturbi come extrasistoli. Nel 2013 invece l'ansia ha preso una strana piega, ed ho cominciato a soffrire fisicamente. La sensazione d'ansia e irrequietezza che avevo in quei anni si è fatta poco per volta da parte - perché avevo imparato a gestire bene gli attacchi di panico - dando posto a questo disagio che ora mi impedisce di vivere la vita almeno normalmente. In parole povere ho sempre una tensione costante allo stomaco, un peso, una massa vera e propria, come se le viscere fossero diventate di pietra. Ed è una situazione fisica e non una sensazione, visto che è anche tattile. Ho fatto numerose visite, ma a livello gastrico è tutto ok. Questo peso, queste contrazioni, questa continua tensione si ripercuote anche sul cuore, lasciandomi poca aria da respirare e affaticandolo innescando molte volte extrasistoli davvero violente. È come se avessi un qualcosa dentro che non mi so spiegare, tutta la mia vita, la mia sopravvivenza, la mia coscienza si è bloccata in questo punto. È come se il mio corpo stesse solo là, tutto il resto è scomparso: Gambe, braccia, testa, tutto... Proprio perché sono due anni che vado avanti così con questo cruccio che mi impedisce anche di fare semplici passeggiate. Sono attratto dalla psicologia junghiana, e ho letto un libro di James Hillman: Il codice dell'anima. E credo che lei sia la persona che sto cercando per poter aiutarmi. Quindi la mia domanda è: Potete aiutarmi? Inoltre, siccome economicamente sono in gravi difficoltà, se gentilmente può mandarmi un messaggio in privato indicandomi i prezzi le sarei davvero grato. Mi scusi per il lungo messaggio. Buona giornata.
Risposta
Gentile ragazzo,
scusi per il ritardo con cui le rispondo. Una volta escluse cause mediche ai suoi disturbi si può iniziare a considerare una sintomatologia legata a cause psicologiche. Qualunque diagnosi è possibile solo di persona, detto ciò, parlare di "ansia" è probabilmente corretto anche se troppo generico. L'ansia è un sintomo molto comune e legato a praticamente ogni tipo di disturbo o disagio psicologico.
Occorrerà capire meglio il significato dell'ansia e cercare di lavorare su aspetti più profondi che magari le sfuggono e che però possono, se non affrontati, presentarsi nuovamente sotto altre forme sintomatiche o comportamenti che lei non riuscirà mai a spiegarsi del tutto.
Cordiali saluti.
 
Data: 24/02/2015
Nome: monica somma
 
Domanda
egregio dottore, quanto dura in media un percorso di analisi junghiana? Ci sono delle limitazioni o si può iniziare sempre? Io ad esempio ho 32 anni e ho già fatto psicoterapia ma adesso votrrei iniziare una vera e propria analisi personale.
Risposta
gentile Monica,
non si può stabilire a priori la durata di un percorso analitico, ma in media un'analisi personale junghiana, che è differente da una psicoterapia, può durare non meno di due anni. Ovviamente molto dipende dalla frequenza con cui si tengono le sedute, dalla motivazione personale e dalle attitudini individuali.
Ci sono persone che hanno più facilità a parlare di se, dei propri vissuti, dei loro sogni e ovviamente in questi casi i percorsi possono essere più agevoli.
ciascuno però ha i suoi tempi.
Non vi sono particolari limitazioni, escluse ovviamente alcune attitudini psicologiche individuali e una forte motivazione al lavoro su se stessi, che sono valutate preliminarmente in un ciclo preliminare di 3 o 4 incontri.
Cordiali saluti
 
Data: 18/10/2010
Nome: Elisa
 
Domanda
Gentile dottore sono una ragazza di 21 anni e da 3 soffro di attacchi d'ansia che mi portano soprattutto vomito, nausea, tachicardia e dolori sparsi.Inoltre questi attacchi sono accompagnati stati di angoscia durante i quali cala la mia auostima e mi sento fragile.Lei potrebbe aiutarmi?
Risposta
sicuramente la posso aiutare, i sintomi che lei descrive sono sintomi molto tipici degli stati ansiosi, per i quali va trovata la causa e vanno risolti, anche in considerazione della sua giovane et.
mi contatti e parliamone quando vuole.
dr. Alessandro Raggi cell.3464143404
 
Data: 12/09/2009
Nome: giuliana
 
Domanda
l'attacco d'ansia e l'attacco di panico(la paura)puo' portare all'infarto?
Risposta
no, assolutamente no. E' la paura di morire che infatti caratterizza l'attacco di panico, ma non in alcun modo possibile morire per un'attacco di panico.
 
Data: 04/09/2009
Nome: mina amatore
 
Domanda
Gentile dottore, vorrei informazioni sull' ipnosi riguardo la dieta. E' possibile avere buoni risultati?

Vorrei sapere inoltre se lei la pratica e infine quante sedute ci vogliono.

Grazie per la sua attenzione
Risposta
gentile Mina, l'ipnosi praticata da uno psicoterapeuta abilitato una pratica elettivamente legata a disturbi di natura clinica; in coscienza bisogna dunque nel suo caso valutare se e quali problematiche siano presenti in associazione con la richiesta di un'aiuto alla dieta. Mi spiego meglio: nel caso (ad esempio) di un disturbo alimentare psicogeno, allora mi sentirei di indicarle - anche - qualche seduta d'ipnosi. l'efficacia dell'ipnosi in tali casi statisticamente positiva, il numero di sedute necessarie 訨 variabie, da circa 5 ad un massimo di 15 o 20 nel corso di alcuni mesi (di norma).
Cordialmente.
dr. a. raggi
 
Data: 23/07/2009
Nome: pino
 
Domanda
gent.dott.Raggi questo mi capita quando sto senza far niente e appena trovo un po di spazio libero su di un foglio o su qualsiasi piano dove si puo' scrivere inizio a fare la mia firma fino a coprire ogni spazio bianco .
la ringrazio anticipatamente
Risposta
Egregio come le ho indicato avrei bisogno di molti dettagli in pi per capire meglio se sia o meno il caso di indicarle di rivolgersi ad uno specialista. Da ci che mi descrive non rieco a comprendere se occorrano o meno indizi di una forma morbosa o pre-morbosa di alcuna natura.
cordialmente.
dr. a raggi
 
Data: 16/07/2009
Nome: massimo
 
Domanda
Salve, Volevo sapere se nella zona tra bari e foggia ci siano dottori che praticano l'ipnosi per disturbi legati all'ansia. grazie
Risposta
Si pu rivolgere alla Societ Italiana d'Ipnosi con sede a Roma (trova i riferimenti tra i link del mio sito), le sapranno senz'altro fornire il nominativo di un professionista abilitato nella sua zona.
cordialmente.
dr. a.raggi
 
Data: 24/06/2009
Nome: massimo valentini
 
Domanda
mi perdoni il disturbo ma pu indicarmi dei colleghi nella zona di pescara?
Risposta
Mi spiace ma non ho colleghi in zona; pu provare a chiemare il dr. Aiello della scuola AION di Bologna (trova i riferimenti tra i link del mio sito) e chiedere a lui se ha dei nominativi su pescara.
Cordialmente.
A. Raggi
 
Data: 14/04/2009
Nome: maria
 
Domanda
Egregio Dottore Raggi,
volevo chiederle per curare le fobie l'ipnosi consigliata.
Le chiedo questo poich sono circa 8 anni che soffrendo di ansia e di attacchi di panico, nonostante sono stata seguita da un psicoterapeuta -neurologo, sono arrivata alla conclusione che per vincere tutto questo devo essere meno paurosa ed affrontare le situazioni come traffico, spostamenti lontani, luoghi affollati. Per訲 non facile, cerco di convincermi di farcela ma poi riecco l'attacco di panico che mi distrugge a tal punto da tornare indietro dal punto al quale mi trovo, scatenando cos stati di depressione perch謨 vedo che la vita mi sta sfuggendo, non vedo luce, sono triste. Cos cronicizzando tutte queste cose con fobie. Non le nascondo che ho con me sempre un ansiolitico, da prendere al momento dell'attacco, ma sono stufa a dover ricorrere a questo tipo di cose. Sono sposata vorrei avere dei figli, dentro di me c' tutta la voglia di essere libera per poter vivere normale, ma poi quando mi rendo conto che non riesco a superare queste cose, mi affliggo e divento triste. Vedendo tutto nero.
Lei pensa che se mi rivolgessi a Dottori che curano con l'ipnosi il percorso sar쨠 pi breve di una lunga terapia, ma sar efficace? Cio頨 poter affrontare tutto nuovamente da persona libera?
La ringrazio
Risposta
L'ipnosi efficace ed indicata in disturbi come il suo. L'ipnosi comunque una tecnica, non dimentichiamolo, e la tecnica da sola non basta per rendere efficace una terapia. Il terapeuta, il paziente, i contenuti, sono i fattori realmente determinanti nel successo o meno di qualunque terapia, ci訲 ormai acclarato grazie a numerosi studi comparativi.
Terapia lunga o breve, farmaci o non farmaci, sono tutte scelte secondarie, se vuole uscire dalla sua difficolt , il cammino pu蠲 anche essere duro, ma ci la potr condurre ad un livello di esistenza pi⠹ accettabile e pi pieno: e questo vale bene qualche sacrificio.
Non esistono scorciatoie.
Si rivolga ad un esperto di cui "sente" realmente di potersi fidare, e si lasci aiutare.
Cordialmente.
dr. A. Raggi
 
Data: 14/03/2009
Nome: Elena
 
Domanda
Salve Dottore, la mia pi un'informazione...!
Vorrei sapere se lei conoscesse qualcuno in grado di operare la tecnica dell'ipnosi!
La ringrazio anticipatamente!
Risposta
gentile Elena, conosco molti bravi ipnoterapeuti, ma se vuole un indirizzo preciso dovrei sapere almeno lei dove abita.
saluti
dr. alessandro raggi