346.8684669 [javascript protected email address]
     
IL MITO DELL'ANORESSIA. Archetipi e luoghi comuni delle patologie del nuovo millennio
IL MITO DELL'ANORESSIA. Archetipi e luoghi comuni delle patologie del nuovo millennio
  15/06/2014 - admin

In libreria e in versione ebook è disponibile da giugno 2014 il nuovo libro di Alessandro Raggi, psicoterapeuta e psicoanalista junghiano:

 

"Il mito dell'anoressia. Archetipi e luoghi comuni delle patologie del nuovo millennio" (ed. Franco Angeli, Milano, 2014).

 

Per acquistare il libro o visionare la scheda editoriale consultare il seguente link: FrancoAngeli-scheda libro Mito dell'Anoressia

 

Presentazione del volume

 

Prefazione di: Fabiola De Clercq e Dora Aliprandi

Postfazione di: Luca Valerio Fabj

 

Il libro si riferisce alla parola "mito" inteso come luogo comune, stereotipo; ma anche "mito" nel senso di archetipico, che narra cioè delle radici immaginali della psiche, dalle quali nascono rappresentazioni e idee sull'anoressia. 


È davvero nella relazione con i genitori la "causa" delle sofferenze per le pazienti anoressiche e bulimiche? Queste patologie colpiscono in maniera così tanto prevalente il sesso femminile? Quanto è importante giungere a una diagnosi puntuale del "tipo" di disturbo alimentare? Dietro i cosiddetti "nuovi sintomi", c'è veramente la spinta di Thanatos, la "pulsione di morte", come afferma parte della clinica psicoanalitica contemporanea? Si sono rivelate realmente efficaci le terapie cognitivo-comportamentali?


Il testo, tra riferimenti artistici e letterari e frammenti di storie di pazienti, conduce il lettore in un itinerario, che a partire dal mito classico, attraversa anche i tanti luoghi comuni - i falsi miti - che oggi caratterizzano la maggior parte delle convinzioni e delle ipotesi su anoressie e bulimie. In quest'ottica non vi è solo il tentativo di ridimensionare molte delle "fantasie" che ruotano attorno al mondo dei cosiddetti disturbi del comportamento alimentare (DCA), ma sul filo della psicologia analitica e archetipica, si tenta di comprendere il senso e la necessità proprio di quelle immaginazioni: di ricondurle cioè nell'ambito della capacità creativa della stessa psiche che le ha generate. Vengono così riletti tutti gli stereotipi più tipici di questi disagi, in cui persino la stessa psicologia incappa frequentemente, con l'intento di svelarne l'esigenza psicologica profonda: una necessità della nostra mente di immaginare per modelli archetipici, cui non sfuggono, per l'appunto psicologi, psicoterapeuti e psichiatri.

 
Partendo da queste premesse, l'autore propone una radicale revisione di alcune questioni teorico-cliniche riguardanti le anoressie-bulimie e più in generale i sintomi contemporanei, sino a mettere in questione le basi stesse del pensiero su cui si fonda l'esigenza psichica di sviluppare determinate ipotesi teoriche anziché altre.